Patto per l'Autonomia | Pat pe Autonomie | Pakt Za Avtonomijo | Pakt für die Autonomie

logoefa mini

Comunità di montagna del Friuli occidentale

30 Aprile 2021

Bidoli: «Un pastrocchio normativo. Bocciata la nostra richiesta di rinvio del termine di scioglimento delle due Uti coinvolte. Ne faranno le spese i Comuni, già in difficoltà»

«Un pastrocchio normativo le cui conseguenze ricadono, come avevamo previsto, sulle comunità montane». Usa parole dure il consigliere regionale del Patto per l’Autonomia, Giampaolo Bidoli, in merito alla riforma regionale degli enti locali che, abolite le Unioni territoriali intercomunali – Uti, ha previsto due distinte Comunità di montagna in area pordenonese, dopo che, in Consiglio regionale, sono state prorogate ancora una volta le scadenze relative ad adempimenti dei nuovi enti, con emendamento dei consiglieri leghisti Stefano Turchet e Antonio Calligaris. La regolazione dei rapporti tra le due Comunità potrà avvenire entro il 30 giugno, non più entro il 30 aprile, e il via libera agli statuti potrà essere dato entro il 15 giugno, non più entro il 31 maggio.

«Abbiamo assistito a un percorso legislativo fatto di emendamenti arrivati in aula in zona Cesarini (non fosse stato così, sarebbe già operativa un’unica Comunità di montagna del Friuli occidentale al posto delle attuali due), di svariate modifiche alla norma per definire con quale maggioranza dovessero essere approvate le deliberazioni in Conferenza dei sindaci e ai ritardi di questi giorni, ingiustificabili. A farne le spese sono i comuni montani, che pagano le responsabilità di altri», afferma Bidoli. Alla luce delle difficoltà nel processo di costituzione e definizione delle due Comunità di montagna, Bidoli ha presentato un subemendamento – bocciato in Aula dalle forze di centrodestra – che alle proroghe proposte dalla maggioranza aggiungeva un rinvio di 6 mesi del termine di scioglimento delle due Unioni territoriali intercomunali coinvolte (UTI Valli e Dolomiti Friulane e UTI Livenza-Cansiglio-Cavallo) «per consentire ai Comuni di attuare una efficace transazione al nuovo ente ed evitare loro ricadute negative, preparandosi adeguatamente alla ripartizione di risorse umane, strumentali e finanziarie, ma soprattutto alla definizione delle funzioni – osserva Bidoli –. Non è la prima volta che le nostre proposte, volte a dare risposte ai Comuni nel difficoltoso passaggio dalle Uti alle Comunità di montagna, vengono bocciate per poi essere recuperate. Non vorrei accadesse di nuovo».


Prossimi appuntamenti

Non ci sono eventi futuri

Logo Patto per l'Autonomia

Via Alessandro Manzoni, 21
33032 Pozzecco di Bertiolo (UD)

Tel: +39 342 163 3878
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter